Ad imageAd image

Favre: “E’ stato importante non aver preso il terzo gol. Balotelli al ritorno? Lo spero”

Alessandro Scognamiglio
Alessandro Scognamiglio
2 Min di lettura

Lucien Favre in conferenza stampa commenta la sconfitta maturata contro il Napoli e che avrà ripercussioni anche sulla sfida di ritorno in Francia per via delle due espulsioni di Koziello e Plea nel finale: “Avremmo potuto evitare i due cartellini rossi finali, soprattutto quello di Koziello che secondo me è stato troppo severo perchè era un’azione tra più calciatori in mezzo al campo. Dalla panchina mi è sembrata eccessiva. Siamo un pò delusi per aver terminato la gara in nove ma per fortuna siamo riusciti a non subire il terzo gol altrimenti sarebbe finita per noi”.

Forse un pò troppo difensivo il Nizza con questo 5-4-1: “Penso che abbiamo fatto bene a giocare con questo modulo, abbiamo fatto una buona prestazione anche se abbiamo concesso troppe palle gol agli avversari ed abbiamo sempre perso sulle prime palle, poi loro sono molto bravi in velocità con Insigne e Mertens e queste palle date improvvisamente in profondità. Il Napoli gioca così da due anni e sapevamo che sarebbe stato difficile. Non so se il rigore c’era o meno ma è stato importante non aver subito il terzo gol. Poi potevamo finanche pareggiare il risultato se sull’1-0 avessimo segnato un gol su qualche pericolo creato sui calci piazzati”.

Quanto ha pesato essere arrivati in ritardo allo stadio? “Non possiamo cercare delle scuse anche se 50 minuti per raggiungere lo stadio mi sembra eccessivo. L’uscita del portiere sul primo gol? Non so, rivedrò la partita per vedere dove abbiamo commesso degli errori. Dobbiamo lavorare ancora tanto per capire come migliorare soprattutto in fase difensiva”.

Al ritorno senza due giocatori squalificati (Koziello e Plea): “Chiaramente dovremo effettuare dei cambi e vedremo chi potrà sostituire i due giocatori”.

Balotelli sui social ha scritto che col Napoli ci sarà, salvo poi rimuovere il messaggio. Favre risponde secco: “Lo spero, spero di sì”.

Condividi questo articolo