Ad imageAd image

VIDEO – Favre: “Napoli forte e veloce ma non c’è un giocatore più forte dell’altro”

Alessandro Scognamiglio
Alessandro Scognamiglio
4 Min di lettura

Dopo Insigne e Sarri stavolta in conferenza stampa, alla vigilia di Napoli-Nizza, è il turno di Plea e, soprattutto, di Lucien Favre per il Nizza. Queste le parole dell’allenatore dei francesi: “Sapevamo che avremmo dovuto disputare due gare di Champions League di andata e ritorno e dopo aver affrontato l’Ajax nel turno precedente ora ci tocca una squadra molto forte come il Napoli. Ovviamente abbiamo visionato le partite degli azzurri e devo dire che è una squadra che gioca molto in velocità, sono bravi nelle situazioni di uno contro uno ed hanno un bel gioco che a volte conta solo un tocco del pallone. Però sono anche concentrato sulle qualità della mia squadra. Però, ripeto, loro sono molto bravi nella transizione offensiva e dovremo essere altrettanto bravi a farci trovare pronti domani”.

Favre non si sbilancia sul modulo che proporrà domani: “Non so ancora, sinceramente, se cambiare modulo o meno. Penso che potremo rimanere con lo stesso modulo ma al massimo potremo aggiungere un centrocampista in più”.

Mancano Balotelli e Sneijder: “Sfortunatamente i due giocatori non sono pronti. Si sono allenati questa mattina ed hanno svolto una seduta personalizzata, hanno fatto un lavoro fisico per cercare di farli trovare pronti al più presto possibile. In particolare non vogliamo accelerare i tempi per Balotelli che è a rischio ricadute mentre Sneijder non ha sostenuto la preparazione con noi, non gioca da due mesi e quindi è ovvio che debba svolgere un lavoro specifico per recuperare la miglior forma”.

Percentuali di qualificazioni, punti deboli e uomini più pericolosi del Napoli: “Non mi esprimo sulle percentuali di qualificazione a nostro favore. Punti deboli nel Napoli ce ne sono pochi ma tutte ce le hanno. Nel Napoli non c’è un solo elemento su cui voglio concentrare le mie attenzioni perchè ce ne sono tanti: ci sono Insigne, Mertens, Jorginho, Hamsik, Ghoulam e quindi sono concentrato sul collettivo azzurro e sulle indicazioni da dare alla mia squadra”.

C’è differenza tra Europa e Champions League: “La cosa importante è che noi quest’anno andremo a disputare una competizione europea. Siamo stati contenti nell’aver superato il turno contro l’Ajax e per il momento non pensiamo troppo al futuro. La cosa più importante è la prestazione, poi sui risultati ragioneremo dopo”.

Quanto incidono le due sconfitte in campionato: “Sì, ma non dimentichiamoci che abbiamo giocato anche due partite contro l’Ajax ed abbiamo passato il turno e che abbiamo giocato queste due partite nel pieno del mercato e non dimentichiamoci che l’anno scorso siamo arrivati terzi. Ora abbiamo queste due partite contro il Napoli ma i risultati maturati nelle prime due di campionato sono relativi. Ora bisogna concentrarsi sulle nostre qualità difensive e dobbiamo essere più concreti sotto porta anche se ci vorrà tempo per riprendere il ritmo dell’anno scorso”.

Condividi questo articolo