Jorginho: “Questo Napoli è forte e merita di vincere. Juve avanti ma non è la favorita”

Intervistato dal Corriere dello Sport, anche Jorginho lancia il Napoli verso lo Scudetto. Il centrocampista italo-brasiliano ci crede: “Ho sensazioni giuste, di una squadra che sta crescendo da ogni punto di vista. Mi sento diverso, ho maggiore sicurezza, e questo è merito di Sarri e della squadra. Il campionato? Sarà difficile e bello, più di quelli recenti. La Juventus parte avanti ma non può ritenersi la favorita assoluta, come in questi ultimi sei anni. Noi stiamo facendo grosse cose da due anni e la Roma anche si é comportata benissimo in questo stesso periodo. L’Inter e il Milan stanno procedendo con un mercato importante. Io voglio vincere come tutti i miei compagni. Penso che ce lo meritiamo per il modo in cui interpretiamo il calcio e credo sia un riconoscimento che sta conquistando la città e la società. Cosa abbiamo di diverso? La mentalità di Sarri che ci ha cambiato completamente e ci ha migliorato ma va detto anche che la forza del gruppo é notevole: questo Napoli é pieno di talento ed ha anche tanta fame”.

Innanzitutto, però, c’è da superare lo scoglio del preliminare di Champions: “E’ duro da affrontare, arriveranno qui con due partite di campionato giocate. Ci potrà dare fastidio, ma non ci interessa: vogliamo la Champions, non abbiamo nessuna voglia di rinunciarci”.

Alla prima giornata l’incrocio con la sua ex squadra, l’Hellas Verona allenato da Pecchia, suo ex allenatore in seconda con Benìtez: “Nelle mie potenzialità hanno creduto in pochi. Il primo fu Mandorlini. Con Benitez il primo anno mi divertii, poi lui preferì cambiare cercando un modo diverso di giocare fatto di lanci lunghi e ricerca della seconda palla. E ho sofferto questo cambio, ma non è un’accusa. C’è un ottimo feeling tra di noi, l’esperienza di due campionati ci è servita. Io leader? Sì, mi sento un leader, ma qui tutti lo siamo. Io ci metto l’allegria. Ogni partita comincia con un rito: saluto tutti quelli che vanno in campo”.

LASCIA UN COMMENTO

You must be logged in to post a comment.